HOME PAGE

Cerca in lex nel web 
Oggi è il
 Segnala lex.iaconet.com     aggiungi lex.iaconet.com ai tuoi preferiti    imposta lex.iaconet.com come pagina iniziale
 Servizi principali
 iaconet.com
 home page
 presentazione
 avvocati UE
 albo avvocati
 domiciliatari
 ordine avvocati
 deontologia on line
 ricerca giuridica
 partner
 segnala risorsa
 Canali tematici
 glossario giuridico
 diritto europeo
 giurisprudenza
 news cassazione
 legge e codici
 lex & internet
 costituzionale
 diritto penale
 procedura penale
 criminologia
 penitenziario
 condominio & legge
 diritto civile
 processuale civile
 codice della strada
 amministrativo
 diritto familiare
 diritti consumatori
 fiscale & tributario
 associazioni
 diritto ambientale
 diritto commerciale
 aste & fallimenti
 studi legali on line
 siti giuridici
 tribunali on line
 diritto del lavoro
 istituzioni ed enti
 previdenza pensioni
 università on line
 diritto romano
 utilità varie
 diritto varie
 Aggiungi  le  news  legali  di  lex.iaconet.com  nel  tuo  sito

Giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione
Massime e sentenze di rilievo sociale



 Corte Cassazione, Sez. VI Penale, massima n.14965/2004
Non commette reato il marito che non paga gli alimenti alla ex moglie che ha trovato un lavoro stabile. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione penale, che ha annullato la condanna per il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare irrogata ad un uomo separato per non avere corrisposto alla ex moglie l'assegno stabilito in sede di separazione civile.
La Suprema Corte, ha infatti spiegato che fermi restando gli obblighi in sede civile, il presupposti del reato in questione è la "sussistenza dello stato di bisogno dell'avente diritto alla somministrazione dei mezzi indispensabili per vivere"; pertanto, il reato scatta solo quando un coniuge fa mancare all'altro i mezzi di sussistenza, intesi come "ciò che è esattamente indispensabile, a prescindere dalle condizioni sociali o di vita pregressa dell’avente diritto", come il vitto, l’abitazione, i canoni per le utenze indispensabili, l’assistenza sanitaria, le spese per l’istruzione ed il vestiario.

 Cassazione, Sezione Lavoro n. 16251/2004
L'obesità è stata riconosciuta causa di invalidità ed in quanto tale è abbisognevole di assegno di invalidità. Chi soffre di obesità può sperare nel riconoscimento di un assegno di invalidità. Lo ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione con la massima n. 16251/2004, con la quale ha riconosciuto il diritto alla assistenza previdenziale a favore di una paziente portatrice di una grave forma di obesità. In questo caso, il giudice deve effettuare una indagine diretta ad appurare il livello di invalidità del richiedente la prestazione sociale, a prescindere dai limiti menzionati nella tabella delle percentuali di invalidità di cui al D.M. 5 febbraio 1992.
I giudici di legittimità, infatti, erano stati chiamati a decidere sul ricorso di una signora a cui, pur essendo gravemente obesa, non era stata riconosciuta la percentuale di invalidità minima per ottenere l’assegno di invalidità. Le tabelle usate per calcolare il punteggio delle malattie invalidanti, assegnavano all’obesità un punteggio al massimo del 40%, mentre per ottenere l’assegno mensile de quo è necessaria un’invalidità minima del 74%.
La Suprema Corte, con la sentenza de qua, ha motivato la decisione in considerazione del fatto che in caso di grave forma di obesità, non si può fare riferimento alla tabella ministeriale, in quanto questa prevede l'obesità con un indice di massa corporea tra 35 e 40 (l’indice si ottiene dividendo il peso del soggetto per il quadrato della sua statura) con un punteggio di invalidità che va dal 31 al 40 per cento. La signora in questione raggiungeva un indice di massa corporea del 57,7. Tale condizione richiede una indagine diretta ad acclarare il grado di invalidità, svincolata dai limiti specificati dalle tabelle. In buona sostanza, dopo questa pronuncia, alle persone gravemente obese, sarà riconosciuto un grado tabellare superiore al 40%, con la possibilità di ottenere l’assegno mensile di invalidità.

 Cassazione, Sezione Civile sentenza n. 7926/2004
Contratto di locazione: l'onorario per la consulenza legale le paga solo chi ha richiesto la prestazione dell'avvocato. L'obbligo di pagare la parcella del legale grava sul soggetto che lo ha officiato, sebbene l'opera professionale sia stata richiesta e si sia svolta nell'interesse anche di un terzo. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 7926/2004, rigettando la pretesa di un avvocato che chiedeva ad una delle parti il pagamento di un compenso per prestazioni professionali consistenti nella redazione di un contatto di locazione. La Suprema Corte inoltre ha sollevato dei dubbi sul fatto che una opera professionale come quella della redazione di un contratto di locazione possa essere svolta nel comune interesse delle parti (locatore e conduttore), dal momento che gli stessi sono portatori, per definizione, di interessi divergenti.



top torna ad inizio pagina

Cerca in lex nel web 
iaconet.com® è registrato. Copyright . Tutti i diritti riservati. Per info: e-mail
Leggi le note legali & condizioni di utilizzo. A cura del Dott. Rodolfo Iaconello. Sede legale in Caltanissetta (italy).