HOME PAGE

Cerca in lex nel web 
Oggi è il
 Segnala lex.iaconet.com     aggiungi lex.iaconet.com ai tuoi preferiti    imposta lex.iaconet.com come pagina iniziale
 Servizi principali
 iaconet.com
 home page
 presentazione
 avvocati UE
 albo avvocati
 domiciliatari
 ordine avvocati
 deontologia on line
 ricerca giuridica
 partner
 segnala risorsa
 Canali tematici
 glossario giuridico
 diritto europeo
 giurisprudenza
 news cassazione
 legge e codici
 lex & internet
 costituzionale
 diritto penale
 procedura penale
 criminologia
 penitenziario
 condominio & legge
 diritto civile
 processuale civile
 codice della strada
 amministrativo
 diritto familiare
 diritti consumatori
 fiscale & tributario
 associazioni
 diritto ambientale
 diritto commerciale
 aste & fallimenti
 studi legali on line
 siti giuridici
 tribunali on line
 diritto del lavoro
 istituzioni ed enti
 previdenza pensioni
 università on line
 diritto romano
 utilità varie
 diritto varie
 Aggiungi  le  news  legali  di  lex.iaconet.com  nel  tuo  sito

giurisprudenza di merito in diritto privato e civile



Corte di Cassazione, III sez. civile sentenza 20.09.2004 n. 18853
Principio: Responsabilità civile - Colpa medica - Danno risarcibile: tutti quelli geneticamente collegati all'operazione chirurgica
Nel caso di intervento di chirurgia estetica mal riuscito, ed in cui vi è la necessità per il paziente di sottoporsi ad altro successivo intervento riparatore, non può affermarsi che per conseguire un certo risultato sia indifferente per il paziente subire una o due operazioni e, quindi, limitare il risarcimento alla spesa sostenuta per la prima operazione inutile. Ed infatti, una volta accertata l´eventuale sussistenza di un danno, questo va liquidato in tutte le sue componenti, sia patrimoniali, quali, ad es., il maggior onorario per il chirurgo ed alla sua équipe, maggiori spese, maggior degenza in clinica, etc., che morali ( ogni operazione è un trauma anche psicologico e va tra l’altro valutato se l’inutilità di un precedente intervento possa aumentare il timore per l´’intervento successivo e quindi il trauma medesimo ).


Corte di Cassazione, II sez. civile sentenza 01.07.2004 n. 12004
Principio: Obbligazioni e contratti - Preliminare - Vendita di cosa altrui - Il proprietario del bene oggetto del preliminare non è obbligato nei confronti del promissario acquirente
Il contratto preliminare di vendita di cosa altrui rimane pur sempre una fattispecie bilaterale tra promittente venditore e promittente acquirente anche se si stabilisce che il contratto definitivo debba essere stipulato tra soggetto proprietario e promittente acquirente, poichè è sempre il promittente alienante che ha l’obbligo di procurare che il proprietario presti il suo consenso in sede di stipula del definitivo. Pertanto, se aderisce a detto preliminare di vendita, il proprietario effettivo non assume alcun obbligo diretto nei confronti del promittente acquirente, in quanto non è parte del preliminare di vendita di cosa altrui ( ricorrendo, altrimenti, un preliminare di vendita di cosa propria ), ma assume in questo caso un obbligo esclusivamente nei confronti del promittente alienante. Pertanto, non essendovi alcuna obbligazione dell’effettivo proprietario del bene nei confronti del promittente acquirente di cosa altrui, quest’ultimo non può effettuare alcuna diffida ad adempiere ex articolo 1454 c.c. nei confronti del primo, ma esclusivamente nei confronti del promittente alienante il quale, a sua volta, è legittimato ad esperire i rimedi di legge nei confronti dell’effettivo proprietario che, obbligatosi in tal senso, non voglia poi prestare il proprio consenso al trasferimento del bene.




top torna ad inizio pagina

Cerca in lex nel web 
iaconet.com® è registrato. Copyright . Tutti i diritti riservati. Per info: e-mail
Leggi le note legali & condizioni di utilizzo. A cura del Dott. Rodolfo Iaconello. Sede legale in Caltanissetta (italy).